Tu sei qui

4 consigli per un fritto che non fa male

07 Aprile 2017
4 consigli per un fritto che non fa male
4.4375
4.4 / 5 (su 16 voti)

Mangiare sano non deve voler dire rinunciare ai propri gusti e piatti preferiti. Anche con fritti è possibile dimagrire e stare in forma!

La frittura perfetta

Quando qualcuno mi chiede se una volta al mese si può fare un fritto, io rispondo che per me si può fare anche tutti i giorni. Il fritto, infatti, è un metodo di cottura che conserva molto bene le vitamine più delicate, anche se sotto questo punto di vista la cottura sottovuoto è impareggiabile. E a volte un fritto ben fatto è meno grasso e calorico di un’insalatona.

Vediamo perché.
Il fritto è molto calorico perché il grasso di frittura viene assorbito dall’alimento. E sappiamo che un solo cucchiaio di olio aggiunge al piatto 90 kcal. Però con quattro semplici mosse possiamo limitare al massimo l’assorbimento dell’olio.

Tabella 1 - Grasso assorbito da 100 grammi di frittura ben asciugata con carta assorbente
Tabella 1 - Grasso assorbito da 100 grammi di frittura ben asciugata con carta assorbente


 

  1. L’olio deve essere abbondante e ben caldo, a 180°C. Se non abbiamo una friggitrice con termostato possiamo acquistare un termometro sonda per tenere la temperatura sotto controllo.

  2. L’alimento deve essere poco «rivestito». Se, per esempio, è solo infarinato, come nel caso della frittura di pesce, assorbe la metà dell’olio rispetto a un alimento impanato, come la cotoletta. Pastella e tempura assorbono tantissimo olio.

  3. Per friggere il grasso migliore è sempre l’olio di oliva extravergine; sono indicati nche l’olio di oliva, l’olio di arachidi. E lo strutto. Quest’ultimo viene assorbito dagli alimenti 3 volte meno rispetto all’olio.

  4. Bisogna scolare il fritto dall’olio con una pinza o un ragno, in modo da sgocciolare bene il grasso, e poi assorbire bene l’olio tamponando per tre volte il cibo in carta assorbente.

In questo modo la frittura di 100 grammi di pesce assorbe solo 6 grammi di olio: avremo un buon piatto con meno di 200 kcal e meno di 10 grammi di grassi.

Un’insalatona di lattuga con un’ovolina di mozzarella vaccina da 100 grammi, condita con un cucchiaio di olio, ci fornisce 350 kcal e 30 grammi di grassi!

Si ringrazia Chiara Manzi www.nutrizioneincucina.itwww.cucinaevolution.it

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!

Se l'articolo ti è piaciuto, metti le 5 stelline!

Altri articoli simili a "4 consigli per un fritto che non fa male"

I commenti dei nostri lettori

Aggiungi un commento