Tu sei qui

Export del vino italiano stabile nel primo trimestre 2018

21 Maggio 2018
Export del vino italiano stabile nel primo trimestre 2018
4.57143
4.6 / 5 (su 7 voti)

Mantiene complessivamente le sue posizioni l’export vinicolo italiano verso gli USA che, secondo quanto reso oggi noto dall'Italian Wine & Food Institute, nel primo trimestre dell’anno, ha fatto registrare una diminuzione del 1% in quantità e un incremento del 11,3% in valore, contro un incremento del 1,3% in quantità e del 1,5% in valore del corrispondente periodo del 2017.

Export vino italiano 2018: cresce l'importazione degli Usa

L'andamento delle esportazioni italiane è in linea, secondo il presidente dell'Italian Wine & Food Institute, Lucio Caputo, con quello complessivo del mercato di importazione americano che nei primi tre mesi dell’anno ha fatto registrare una diminuzione del 4,4% in quantità ed un incremento del 11,1% in valore contro un incremento del 10% in quantità e del 7,3% in valore del corrispondente periodo dello scorso anno. Complessivamente, l’Italia è passata dai 600.920 ettolitri, per un valore di $ 306.309.000, del primo trimestre del 2017, ai 594.850 ettolitri, per un valore di $ 341.227.000, del primo trimestre dell’anno in corso.

Export vino italiano 2018: Tabella delle importazioni negli USA di vino da tavola
Tabella relative alle importazioni negli USA di vino da tavola

La quota di mercato dei vini importati dall’Italia è risultata pari al 24,9% in quantità e al 30,5% in valore (contro il 24,1% in quantità e il 30,4% in valore del corrispondente periodo del 2017) mentre si è mantenuto stabile il prezzo medio dei vini italiani imbottigliati pari a $ 5,90 al litro contro i $ 3,11 dell’Australia e i $ 9,43 della Francia. Le importazioni complessive statunitensi, sono ammontate a 2.384.100 ettolitri, per un valore di $1.118.764.000, contro i 2.493.190 ettolitri, per un valore di $1.006.745.000, del corrispondente trimestre del 2017. Sostanziali diminuzioni si sono invece verificate nelle importazioni dall'Australia e dall'Argentina che hanno subito pesanti contrazioni nelle loro esportazioni di vini non imbottigliati (rispettivamente -35,4% e -80,4%). 

Export del vino: i numeri mondiali del 2018

La classifica dei principali fornitori del mercato americano vede in testa, nel periodo in esame, l’Italia seguita da Australia, Cile, Francia e Nuova Zelanda in quantità e da Francia, N. Zelanda, Australia e Cile in valore. Le importazioni dall’Australia sono risultate pari a 442.720 ettolitri per un valore di $ 85.796.000 contro i 569.820 ettolitri, per un valore di $ 97.019.000, del corrispondente periodo dell’anno scorso con un riduzione del 22,3% in quantità e del 11,5% in valore. Le importazioni dal Cile sono passate da 405.340 ettolitri, per un valore di $ 74.693.000, del primo trimestre del 2017 a  405.500 ettolitri, per un valore di $ 71.519.000, del trimestre in corso, con una riduzione in valore del 4,2%. Le importazioni dalla Francia, sempre secondo la nota dell’IWFI, sono passate 291.600 ettolitri, per un valore di $ 243.709.000, del primo trimestre del 2017 a 333.810 ettolitri, per un valore di $ 308.450.000, del primo trimestre dell’anno in corso con un aumento del 14,5% in quantità e del 26,5% in valore.

Export vino italiano 2018: un vigneto in Australia, secondo paese fornitore degli Usa
Un vigneto in Australia, il secondo Paese fornitore di vino degli USA

Le importazioni dalla Nuova Zelanda sono passate da 186.180 ettolitri, per un valore di $ 99.561.000, del primo trimestre del 2017, a 233.810 ettolitri, per un valore di $131.142.000 del primo trimestre dell’anno in corso con un aumento del 25,6% in quantità e del 31,7% in valore. Le importazioni dall’Argentina sono passate da 180.350 ettolitri, per un valore di $66.533.000 del primo trimestre del 2017, a 121.670 ettolitri, per un valore di $58.656.000 del primo trimestre dell’anno in corso con un decremento del 32,5% in quantità e del 11,8% in valore.

In aumento l'export degli spumanti italiani

Positivo infine, sempre secondo la nota dell'Italian Wine & Food Institute, l’andamento delle esportazioni degli spumanti italiani che sono passate da 145.810 ettolitri, per un valore di $74.569.000, del primo trimestre del 2017, a 167.150 ettolitri, per un valore di $ 95.846.000, del primo trimestre dell’anno in corso, con un aumento del 14,6% in quantità e del 28,5% in valore. La quota di mercato degli spumanti importati dall’Italia è risultata pari al 61,7% in quantità e al 42,6% in valore.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!

Se l'articolo ti è piaciuto, metti le 5 stelline!

Altri articoli simili a "Export del vino italiano stabile nel primo trimestre 2018"

I commenti dei nostri lettori

Aggiungi un commento