Tu sei qui

Enogastronomia sulle strade del Taurasi

15 Marzo 2017
Enogastronomia sulle strade del Taurasi
5
5 / 5 (su 9 voti)

La Campania è una regione a forte vocazione enogastronomica, e c'è un territorio dove questa caratteristica si esplica in maniera importante, in un magico connubio tra paesaggio naturale ed umano, tra arte, cultura e ruralità. Si tratta di quella che viene definita Taurasi Valle del Calore, che comprende i comuni di Montemiletto, Montefusco, Venticano, Pietradefusi, Torre le Nocelle e Taurasi.

Cosa rende così unico questo territorio? Andiamo a scoprirlo.

Taurasi Valle del Calore: un territorio davvero DOP

Il primo aspetto che caratterizza la Valle del Calore è quello meramente paesaggistico, che chiunque può ammirare al suo arrivo. Si tratta di una distesa di colline punteggiate in modo ordinato da filari di vigneti e da piante di ulivo che si dipanano a perdita d'occhio. Sulle sommità collinari si notano i borghi, scrigni di arte e cultura ma anche di prelibatezze enogastronomiche.

Percorso Enogastronomico nella Valle del Calore
Percorso Enogastronomico nella Valle del Calore

Gli ordinati filari di viti, infatti, sono quelli da cui si ricavano i due vini che maggiormente contraddistinguono la Valle del Calore: il Taurasi e il Greco di Tufo.

La DOCG Taurasi

Il Taurasi è un vino rosso che si ottiene dalle uve Aglianico, ed è il primo che in tutta l'Italia meridionale abbia ricevuto il riconoscimento DOCG, ovvero Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Questo avveniva nel 1993, e da quel momento la produzione del Taurasi è regolata da un disciplinare che ne delimita in primis l'area geografica.

Calici di Taurasi DOCG
Calici di Taurasi DOCG

Ma la storia di questo vino affonda ben più indietro nel tempo: pare infatti che esso fosse conosciuto anche prima dell'epoca romana, che fu comunque quella in cui prosperò insieme ad altri vini della rinomata "Campania Felix". anche se le uve Aglianico non vengono coltivate solo nella Valle del Calore, solo qui possono acquistare le proprietà organolettiche che caratterizzano il Taurasi. Questo si deve alla qualità del terreno e alla peculiarità del clima, con inverni molto freddi ed estati mai troppo calde. In virtù di questo, le uve maturano con lentezza impregnandosi degli odori e degli umori stessi della terra e non vengono raccolte che a fine ottobre.

La DOCG Greco di Tufo

Il Taurasi è molto apprezzato da tutti gli amanti dei vini rossi; ma anche coloro che preferiscono il vino bianco non restano a bocca asciutta nella Valle del Calore.

Calici di Greco di Tufo DOCG
Calici di Greco di Tufo DOCG

Il vino bianco per eccellenza qui è il Greco di Tufo, che ha a sua volta ottenuto il riconoscimento di DOCG. Anche il Greco di Tufo affonda le sue origini molto indietro nel tempo, e ne troviamo tessute le lodi alle sue virtù negli scritti di autori latini come Columella e Catone. Il suo colore dorato, il suo gusto unico ne rendono possibile l'abbinamento tanto con il pesce quanto con la carne. La versione spumantizzata, inoltre, si può bere tanto come aperitivo che in accompagnamento al dolce.

I prodotti tipici da accompagnare al vino

Cosa si potrebbe mangiare, mentre si sorseggia un calice di Taurasi o di Greco di Tufo?

I prodotti tipici della valle del Calore sono tanti e tali da non poter scontentare nessuno. Ci sono tanti tipi diversi di formaggi, da quelli freschi come la mozzarella a quelli stagionati, come le caciotte.

Alcuni prodotti tipici della Valle del Calore
Alcuni prodotti tipici della Valle del Calore

I salumi vengono ottenuti dalle carni pregiate dei bovini e dei suini allevati in loco, e la loro produzione segue le ricette che sono state tramandate da padre in figlio.

La pasta artigianale ricorda sapori ormai dimenticati, nell'epoca della produzione industriale.

I dolciumi, infine, anche se usano ingredienti "poveri" come il miele, le castagne e le marmellate, sono degni della più alta arte pasticcera ed appagano anche i palati più golosi.

Tutte le tipicità della zona Taurasi Valle del Calore

Le tipicità locali non si limitano di certo alle due DOCG eccellenti: basti pensare ad altri ottimi vini, quali l'Aglianico e la Coda di Volpe, che si sono guadagnati a loro volta un importante riconoscimento, l'IGT (Indicazione Geografica Tipica).

Pregiato Olio d'Oliva della Valle del Calore
Pregiato Olio d'Oliva della Valle del Calore

Non si può non citare anche l'olio, il vero oro liquido del Mediterraneo che in questo angolo benedetto di Campania ha un sapore peculiare e facilmente riconoscibile. Assorbendo, esattamente come fanno le viti, gli umori del terreno, anche gli ulivi restituiscono dalla spremitura delle loro drupe l'anima del territorio. L'olio della Valle del Calore sa di frutta e di mandorle, di carciofi e pomodori, racconta la storia antica dei tanti piccoli frantoi che continuano ad usare le stesse tecniche e metodologie di un tempo.

Visitare la terra Taurasi Valle del Calore significa dunque fare un viaggio in un territorio che presenta molteplici sfaccettature, tutte da gustare con ogni senso.

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!

Se l'articolo ti è piaciuto, metti le 5 stelline!

Altri articoli simili a "Enogastronomia sulle strade del Taurasi"

I commenti dei nostri lettori

Aggiungi un commento