Tu sei qui

Come esercitare le attività di enoturismo

13 Dicembre 2019
Come esercitare le attività di enoturismo
5
5 / 5 (su 9 voti)

Da l'Enologo - Mensile dell'Associazione Enologi Enotecnici Italiani

Sulla Gazzetta Ufficiale del 15.04.2019 è stato pubblicato il Decreto 12 marzo 2019 del Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo, contenente le linee guida in merito ai requisiti e agli standard minimi di qualità per l’esercizio dell’attività enoturistica.

Per poter esercitare le attività di enoturismo è, infatti, necessario soddisfare una serie di requisiti e standard di qualità, puntualmente indicati nel decreto ministeriale.

Attività enoturistiche

L’attività enoturistica è considerata attività agricola connessa ai sensi dell’articolo 2135, comma 3, C.C., ove svolta dall’imprenditore agricolo, singolo o associato, di cui al medesimo articolo. 2135 C.C.

Le attività di enoturismo svolte da soggetti diversi dagli imprenditori agricoli, singoli o associati, non sono pertanto considerate attività agricole connesse e non possono beneficiare del trattamento fiscale agevolato.

Sono considerate attività enoturistiche le attività formative e informative rivolte alle produzioni vitivinicole del territorio e la conoscenza del vino, con particolare riguardo alle indicazioni geografiche (Dop, Igp) nella cui area si svolge l’attività, quali, a titolo esemplificativo:

  • Le visite guidate ai vigneti di pertinenza dell’azienda, alle cantine, le visite nei luoghi di esposizione degli strumenti utili alla coltivazione della vite, della storia e della pratica dell’attività vitivinicola ed enologica in genere;
  • Le iniziative di carattere didattico, culturale e ricreativo svolte nell’ambito delle cantine e dei vigneti, compresa la vendemmia didattica;
  • Le attività di degustazione e commercializzazione delle produzioni vitivinicole aziendali, anche in abbinamento ad alimenti, da intendersi quali prodotti agro-alimentari freddi preparati dall’azienda sessa, anche manipolati o trasformati, pronti per il consumo (escluse le attività di ristorazione).
enoturismo visite
Tra le attività enoturistiche rientrano anche le visite alle cantine e nei vigneti

Abbinamento di prodotti vitivinicoli aziendali

L’abbinamento ai prodotti vitivinicoli aziendali finalizzato alla degustazione deve avvenire con prodotti agro-alimentari freddi preparati dall’azienda stessa, anche manipolati o trasformati, pronti per il consumo nel rispetto delle discipline e delle condizioni e dei requisiti igienico sanitari previsti dalla normativa vigente, e prevalentemente legati alle produzioni locali e tipiche della Regione in cui è svolta l’attività enoturistica:

  • Dop;
  • Igp;
  • Stg;
  • Prodotti di montagna;
  • Prodotti che rientrano nei sistemi di certificazione regionali riconosciuti dalla Ue;
  • Prodotti agroalimentari tradizionali presenti nell’elenco nazionale pubblicato ed aggiornato annualmente dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, della Regione in cui è svolta l’attività enoturistica.
enoturismo calici vino
L’abbinamento ai prodotti vitivinicoli aziendali per le degustazione deve avvenire con prodotti agro-alimentari freddi preparati dall’azienda stessa

L’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali prevede una sezione specifica per ogni Regione e viene periodicamente aggiornato. Per ciascuna regione vengono riportati i prodotti considerati tradizionali, suddivisi per categorie.

Autonomia delle Regioni

Le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano possono:

  • Promuovere a formazione teorico-pratica per le aziende e per gli addetti, anche al fine di garantire il rispetto dei requisiti e degli standard minimi previsti nel decreto 12.03.2019 e di promuovere il miglioramento della qualità dei servizi offerti;
  • Istituire, in collaborazione con i Comuni, elenchi regionali degli operatori che svolgono attività enoturistiche.
enoturismo attività
Per poter esercitare le attività di enoturismo è necessario soddisfare una serie di requisiti e standard di qualità

Le Regioni definiscono, inoltre, le funzioni di vigilanza, di controllo e sanzionatorie sull’osservanza delle disposizioni circa gli standard minimi di qualità.

Devono essere rispettati i requisiti igienico-sanitari previsti dalle normative vigneti.

Requisiti specifici

L’attività enoturistica è esercitata, previa presentazione al comune di competenza, della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).

I requisiti richiesti:

  • Apertura settimanale o anche stagionale di un minimo di 3 giorni, all’interno dei quali possono essere compresi la domenica, i giorni prefestivi e festivi;
  • Strumenti di prenotazione delle visite, preferibilmente informatici;
  • Cartello da affiggere all’ingresso dell’azienda che riporti i dati relativi all’accoglienza enoturistica, ed almeno gli orari di apertura, la tipologia del servizio offerto e le lingue parlate;
  • Sito o pagina web aziendale;
  • Indicazione dei parcheggi in azienda o nelle vicinanze;
  • Materiale informativo sull’azienda e sui prodotti stampato in almeno 3 lingue, compreso l’italiano;
  • Esposizione e distribuzione del materiale informativo sulla zona di produzione, sulle produzioni tipiche e locali con particolare riferimento alle produzioni con denominazione di origine sia, in ambito vitivinicolo che agroalimentare, sulle attrazioni turistiche, artistiche, architettoniche e paesaggistiche del territorio in cui è svolta l’attività enoturistica;
  • Ambienti dedicati e adeguatamente attrezzati per l’accoglienza e per la tipologia di attività in concreto svolte dall’operatore enoturistico;
  • Personale addetto dotato di competenza e formazione, anche sulla conoscenza delle caratteristiche del territorio, compreso tra il titolare dell’azienda o i familiari coadiuvanti, i dipendenti dell’azienda ed i collaboratori esterni;
  • L’attività di degustazione del vino all’interno delle cantine deve essere effettuata con calici in vetro o altro materiale, purché non siano alterate le proprietà organolettiche del prodotto;
  • Svolgimento delle attività di degustazione e commercializzazione da parte di personale dotato di adeguate competenze e formazione, compreso tra: titolare dell’azienda o familiari coadiuvanti, dipendenti dell’azienda o collaboratori esterni.
enoturismo tour
Ci sono diversi requisiti da rispettare per esercitare le attività di enoturismo

Fiscalità

Alle attività enoturistiche si applicano le disposizioni previste per le attività agrituristiche nell’art. 5 L. 413/1991.

Imposte dirette Art. 5, c.1 L. 413

Il reddito si determina applicando un coefficiente di redditività del 25% all’ammontare dei ricavi conseguiti con l’esercizio di tale attività, al netto della imposta sul valore aggiunto.

Non possono applicare questo criterio di determinazione del reddito:

  • Le società di capitali, vale a dire società a responsabilità limitata e le società per azioni;
  • Le cooperative.

Imposta sul valore aggiunto (art. 5, c.2 L.413/1991)

L’Iva detraibile si determina applicando un coefficiente pari al 50% all’Iva dovuta sulle operazioni attive. Pertanto, l’Iva effettivamente assolta sugli acquisti non è ammessa in detrazione in quanto sostituita dalla forfetizzazione.

Tuttavia, il regime forfetario non è obbligatorio; i contribuenti possono esercitare l’opzione per la determinazione dei redditi e dell’Iva nei modi ordinari.

Da l'Enologo - Mensile dell'Associazione Enologi Enotecnici Italiani

Ti è piaciuto questo articolo? Votalo!

Se l'articolo ti è piaciuto, metti le 5 stelline!

Altri articoli simili a "Come esercitare le attività di enoturismo"

I commenti dei nostri lettori

Aggiungi un commento